back to » Isole Eolie

Isole Eolie

Riviera Jonica per Villa Almoezia Riviera Jonica per Villa Almoezia frankmanga per Villa Almoezia
Mercoledì, 14 Gennaio 2015 12:36
(0 Voti)
Scritto da  Sebastiano
Stampa

 
Isole Eolie: Le terre di Eolo, Dio del Vento
 
Le Isole Eolie sono un arcipelago di 7 isole: LIpari, Salina, Vulcano, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea. Dal punto di vista storico risultano molto importanti i ritrovamenti storici al loro interno, poiché consentono di riconoscere il momento in cui l'uomo dall'era preistorica del paleolitico e mesolitico, giunge al neolitico, diventando capace di allevare e produrre cibo. Vasi e terracotte  provenienti dalle Isole Eolie si trovano anche nei musei di Glascow e Oxford oltre che nei Musei di Cafalù e nel Museo Eoliano di Lipari. 
 
Sulla rotta commerciale dello stagno e dei metalli, le Eolie iniziarono a diventare punti focali del commercio che poi transitava a Messina verso Oriente. Con i Romani, divennero centro di commercio per lo zolfo, il sale e l'allume. 
 
Subiscono la devastazione degli Arabi nel 863 d.C e dell'esercito ottomano nel 1544. I Borboni trasformano Vulcano in una colonia penale.
 
Dopo l'unità d'italia vengono suddivise in 4 comuni appartenenti alla provincia di Messina, 3 dei quali sull'isola di Salina. Lipari risulta essere il più importante per dimensioni, racchiudendo anche gli abitanti di tutte le altre isole. 
 
Vengono insignite dall'Unesco con il titolo di patrimonio dell'umanità, negli anni 2000.
 
Gil Itinerari di Sebastiano
Per raggiungere le Eolie, utilizzando traghetti, aliscafi o imbarcazioni veloci, è possibile partire da uno dei tanti porti della costa tirrenica che gestiscono il traversamento; Messina, Milazzo e Palermo sono i maggiori punti di partenza, mentre varie compagnie private promuovono mini-crociere da Patti, Capo d'orlando, Sant'Agata di Militello e Cefalù.
 
Lipari, Salina, Vulcano e Panarea, sono le isole dove gli sbarchi turistici, sono più frequenti, le restanti isole non avendo grandi strutture di supporto al turismo, vengono visitate solo da viaggiatori facoltosi che affittano yacht o posseggono imbarcazioni da ormeggiare attorno alle coste, oppure da veri amanti della tranquillità che preferiscono la pace di Alicudi e Filicudi alla movida di Vulcano e Panarea. E' da precisare che nell'isola più lontana di Alicudi, l'unico mezzo di trasporto è il mulo e non vi sono strade che percorrono l'isola, gli unici percorsi sono sentieri a gradini verso i punti panoramici e le abitazioni in collina.
share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube
item hits
Letto 524 volte

commenti

showing 2 commenti

Lascia un commento